Per far si che un cliente ritorni nel tuo locale, hai bisogno di utilizzare dei sistemi per il ritorno. Tu ne fai già uso? Sai che tipo di materiale promozionale utilizzare e come?

Di seguito ti darò alcuni consigli semplici da mettere in pratica ma utilissimi per la promozione del tuo locale.

Tiene sempre ben presente che la mancanza di uno stile UNICO di comunicazione potrebbe confondere la percezione del cliente, pregiudicando le sue scelte e quindi le tue vendite.

Quindi quando organizzi il tuo “corredo promozionale” presta sempre molta attenzione :

  • alla carta intestata
  • ai dèpliant,
  • alle brochure,
  • ai volantini,
  • alle lettere commerciali,
  • agli annunci pubblicitari,

E pensali tutti come ad un’unica immagine coordinata.

Mettiti nei panni del cliente e chiediti com’è la tua immagine:

  • C’è coerenza di stile e tono o sono diversi?
  • Il carattere tipografico è sempre lo stesso ed ha sempre la stessa grandezza?
  • Che genere di immagine trasmette il tuo corredo promozionale?
  • Il tipo di font (carattere) e il suo corpo, sono adeguati a quanto vuoi trasmettere?

iStock_000005349409XSmallIl carattere ed il “corpo” fanno grande differenza nel “tono” del tuo messaggio.

Tieni sempre a mente questi pochi ma fondamentali punti:

  1. I tuoi stampati devono avere un aspetto professionale. Solitamente non si ha mai più di una occasione per fare una immediata impressione verso il cliente.Di conseguenza, la grafica, i layout e il design dei tuoi materiali promozionali possono costituire un valido ed efficace contributo al miglioramento e alla crescita della tua attività… O possono rovinarti!

    Ma se la grafica è palesemente “fatta in casa”, magari usando in modo inadeguato “WordArt” di Microsoft oppure una grafica povera di contenuti suggestivi, senza creatività o non professionale, il potenziale cliente non arriverà a leggere il corpo del testo, perché si sarà già fatto un’idea di te e non sarà stato stimolato ad andare oltre, dopo una prima e fugace occhiata alla brochure.

  2. Evita errori ortografici e di battitura – controlla sempre! Un cliente come può prendervi sul serio altrimenti?
  3. Scrivi 5 aggettivi che ti vengono in mente mentre esamini i tuoi strumenti di Restaurant. Quali sono? Ti piacciono? Cerca di essere il più obiettivo possibile e di metterti dalla parte del cliente.
  4. Chiedi ad altri se il lavoro che hai fatto è gradito, se comunica e se è sobrio. Il parere di qualcuno esterno è simile al parere di un tuo cliente. Ti servirà a capire che tipo di percezione susciti con i tuoi strumenti di comunicazione. A volte quando si tratta del nostro lavoro non riusciamo mai ad essere obiettivi, inoltre ciò che piace a noi non è detto che piaccia agli altri!

Questi consigli per il marketing e la vendita possono essere racchiusi da un processo definito AIDA, e cioè:

h

Inizia con il catturare l’Attenzione del possibile cliente, per poi mantenere vivo l’Interesse, facendo emergere un Desiderio e invitando infine ad Agire.

Quindi AIDA, in successione, deve suscitare:

Attenzione, concentrati su un pubblico di nicchia. Ricorda che più restringi e più emergi. Se offri un prodotto salutare, “fritto ma non fritto”, rivolgiti al pubblico che ama il fritto ma non lo può mangiare.

Interesse, utilizza bonus ed incentivi che abbiano date di scadenza e limitazioni di quantità, premendo sui meccanismi decisionali per incoraggiarlo ad agire subito.

Desiderio,  chi  legge il tuo messaggio deve riconoscere in esso un suo bisogno e cogliere nella tua proposta una soluzione al suo bisogno.

Azione, al  tuo cliente devi sempre suggerire cosa fare, forniscigli sempre tutte le informazioni e le risorse di cui ha bisogno per agire immediatamente.

Se vuoi approfondire le strategie di sistemi di ritorno e capire come utilizzarle nel tuo ristorante per aumentare gli incassi e far tornare i tuoi clienti, partecipa ad uno dei corsi dal vivo di Vincenzo Liccardi e il suo team.

Scopri le prossime date cliccando qui >>>

 

 

email
(edited)